Vai al contenuto
Home » Blog » San Valentino – Festa degli innamorati

San Valentino – Festa degli innamorati

Sonia Demetz - San Valentino 14 febbraio

San Valentino, oggi

Tutto il mondo conosce il giorno di San Valentino e ogni paese ha le sue tradizioni ed usanze particolari.
Nei paesi anglosassoni, ad esempio, si decorano bigliettini d’amore chiamati “Valentine” con simboli come cuori, cupidi, angeli e colombe.
In quelli latini, invece, San Valentino va oltre l’amore e gli sposi, è anche il giorno delle amicizie più care.
Tra i regali più apprezzati de paesi del nord Europa ci sono oggetti con incisioni personalizzate. Sonia può personalizzarli per te, sicuramente una sorpresa molto gradita.

E tu? Hai già pensato cosa regalare alla tua dolce metà?

Cosa ne pensi di uno splendido cupido o di un angioletto nuziale rifiniti a mano?

Angeli e cupidi

Angeli e cupidi per farsi guidare nella bellezza dell’amore, citati in storia dell’arte ed in letteratura.

Sonia Demetz, San Valentino, Putti, cuori, sculture in legno

Cuori in cirmolo

Oggetti in cirmolo per donare un oggetto che produce benefici al cuore innamorato della nostra dolce metà, grazie alle studiate proprietà di questo legno.

Sonia Demetz ti suggerisce un’idea originale per fare un regalo ancora più sorprendente: sculture rifinite a mano, oggetti d’arte della tradizione in legno di acero, tiglio e cirmolo (o pino cembro) della Val Gardena (Alto Adige – Sudtirolo), da poter donare a chi ti ha “rubato” il cuore in questa occasione speciale.

VUOI QUALCOSA DI PERSONALIZZATO? contattaMI qui

14 febbraio, San Valentino.

La storia di questa festa parte da molto lontano, al tempo dei romani, attorno al 496 d.C.
A Roma erano presenti dei riti pagani dedicati al dio della fertilità Fauno, detto anche Luperco, che erano in contrapposizione con i principi morali della Chiesa. Le donne si sottoponevano a colpi di verghe credendo fosse propiziatorio per la fertilità.
Papa Gelasio I pose fine a questa celebrazione sostituendola con una giornata dedicata all’amore e indicando San Valentino, vescovo e martire, come protettore degli innamorati.

Sonia Demetz - San Valentino da Terni

Perché proprio il vescovo di Terni?

Si narra che Valentino fu punito per essere stato il primo religioso a celebrare il matrimonio tra una donna cristiana ed un legionario romano.

Un’altra leggenda narra che Valentino udì litigare una coppia vicino al suo giardino. Uscì immediatamente e andò incontro loro pregandoli di non litigare più e gli regalò una rosa. I giovani, qualche tempo dopo, chiesero al vescovo di benedire il loro matrimonio.
Da quel giorno, diffusa la storia, molti innamorati si recarono da Valentino il 14 di ogni mese, il giorno dedicato alle benedizioni.

Valentino morì il 14 febbraio.